Social Skills Training 14-20

La grande influenza che la sfera sociale assume nella vita di una persona e il disagio più o meno intenso sperimentato da chi manifesta difficoltà in tale ambito suggeriscono l’importanza di un corretto sviluppo di tutte quelle risorse personali considerate indispensabili per un buon funzionamento sociale. Le risorse cui ci stiamo riferendo sono le cosiddette social skills, termine importato dalla letteratura scientifica che si traduce con l’espressione abilità sociali, ovvero l’insieme di quei comportamenti funzionali che la persona manifesta nel contesto interpersonale. Esempi di tali abilità sono saper comunicare efficacemente, saper riconoscere ed esprimere propri desideri, bisogni ed emozioni, saper gestire e risolvere conflitti…

Se è vero che la propensione alla socializzazione si manifesta fin dalle primissime fasi di vita, è altrettanto vero che esistono molte differenze individuali nell’espressione di una buona competenza sociale, differenze dettate in parte da aspetti temperamentali e caratteriali, in parte dall’esposizione a differenti modelli educativi ed esperienze di vita. Le abilità sociali, infatti, non sono innate, bensì apprese nel corso dello sviluppo. I dati scientifici indicano che difficoltà o problematiche connesse allo sviluppo di un’adeguata competenza sociale tendono a manifestarsi molto precocemente, già durante l’infanzia o nella fase iniziale dell’adolescenza, periodo in cui le relazioni interpersonali diventano sempre più centrali nella vita di una persona. È durante l’adolescenza, infatti, che ciascuno di noi è chiamato a sperimentarsi in contesti diversi rispetto a quello familiare, protetto e rassicurante, mettendosi in gioco all’interno del gruppo dei pari. Le relazioni con i coetanei diventano più intense e il gruppo diventa un punto di riferimento; il rapporto con l’altro rappresenta un fattore essenziale per la crescita sociale, sentimentale e per la ricerca e definizione della propria identità. Dal momento che il gruppo rappresenta un elemento così importante nella vita di un adolescente, esperire sentimenti di esclusione, disinteresse o rifiuto da parte dei pari può essere fonte di stress e disagio anche molto intenso. Sulla base di queste considerazioni, riteniamo importante portare l’attenzione di genitori, insegnanti ed educatori sulla centralità della fase adolescenziale intesa come la “finestra temporale” più appropriata, ma anche più delicata, per lo sviluppo delle social skills.
Molto spesso gli adulti che stanno a contatto con i più giovani notano le difficoltà relazionali da questi manifestate, difficoltà che possono esprimersi con differenti livelli di intensità e in circostanze diverse: alcuni ragazzi sono più abili a intraprendere una conversazione ma riescono ad esprimere con fatica le proprie idee e opinioni, altri sanno proporsi con determinazione ma si mostrano poco attenti nell’ascoltare il punto di vista altrui, altri ancora sembrano non avere la capacità di dissentire o rifiutare una richiesta. Pur notando prontamente queste difficoltà e pur riconoscendo la necessità di intervenire, spesso per gli adulti di riferimento è complicato trovare la giusta chiave di accesso, il canale migliore per trasmettere conoscenze e strategie pratiche per favorire un’efficace competenza sociale.

L’Associazione Italiana Disturbi dell’Ansia Sociale (AIDAS) si occupa da più di dieci anni di approfondire la ricerca sul funzionamento sociale e su tutto ciò che riguarda il rapporto tra un individuo e la sua rete di relazioni interpersonali. Lo studio approfondito dell’interazione tra persona e ambiente, delle abilità sociali quali strumenti-chiave per la costruzione di relazioni sane e funzionali, delle relative difficoltà e disturbi psicologici connessi, ha permesso di raccogliere una vasta quantità di dati scientifici sui quali costruire efficaci protocolli di intervento. L’AIDAS, che ad oggi riunisce professionisti del settore (psicologi, psicoterapeuti, medici e psichiatri) e chiunque altro condivida l’interesse e le finalità dell’Associazione, si adopera in una costante attività di ricerca e aggiornamento, di sensibilizzazione e divulgazione attraverso l’organizzazione di congressi, seminari, workshop e convegni. Costituisce un punto d’incontro per le persone affette dai disturbi della sfera sociale e un sostegno, sia per gli interessati che per i loro familiari, attraverso l’istituzione di un servizio di ascolto telefonico, di gruppi di accoglienza, di gruppi di auto-aiuto e attraverso la diffusione di materiale informativo. Si adopera inoltre per la progettazione di interventi individuali o di gruppo, diversificati e personalizzati in base all’utenza, finalizzati alla promozione delle abilità sociali e al miglioramento della qualità delle relazioni interpersonali e del benessere psicologico.

Social Skills Training

Il servizio offerto dal nostro staff si presenta come un’opportunità riservata agli adolescenti di poter sviluppare, consolidare o potenziare tutte quelle abilità sociali necessarie per vivere serenamente e proficuamente le proprie relazioni. Un training è un allenamento: in questo caso ciò che ci proponiamo di allenare sono le abilità sociali, grazie all’intervento di uno psicologo professionista esperto. Non si tratta pertanto di un percorso di psicoterapia né di un intervento curativo: piuttosto, può essere correttamente definito un percorso di “palestra sociale”, pensato per qualunque ragazzo o ragazza voglia migliorare il proprio modo di interagire con gli altri. Il training, in un primo momento progettato per gli alunni delle Scuole Secondarie di II grado, viene qui riproposto ampliando il servizio offerto con l’integrazione di percorsi individuali.

Obiettivi e contenuti

L’obiettivo del Social Skills Training è quello di incrementare il livello di abilità sociali dell’adolescente per migliorare la qualità delle sue relazioni quotidiane e il benessere psicologico associato al mantenimento di rapporti interpersonali positivi e soddisfacenti. In particolare, il Traning si propone di promuovere le abilità di:

  • Riconoscimento dei diversi stili comunicativi (modalità aggressiva- modalità assertiva- modalità passiva)
  • Lettura e decodifica dei messaggi espressi attraverso il canale comunicativo verbale e non verbale
  • Capacità di stare in relazione con l’altro in funzione del livello di conoscenza/intimità
  • Ascolto dell’altro; capacità di assumere il punto di vista altrui
  • Espressione dei propri bisogni, desideri, richieste e opinioni
  • Riconoscimento e gestione delle critiche

Modalità di svolgimento, tempi e costi

Il Social Skills Training è rivolto a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 e i 20 anni; prevede 8 incontri individuali in studio, a cadenza settimanale, della durata di 60 minuto ciascuno. Il costo complessivo è di 500 Euro. Per informazioni e iscrizioni si prega di inviare una e-mail al seguente indirizzo:
segreteria@ansia-sociale.it

Condividi